Il papà di Daniele Potenzoni: “Per favore, continuate a cercare mio figlio!”

La criminologa Linda Corsaletti è stata contattata dal padre di Daniele Potenzoni, ragazzo autistico scomparso a Roma il 10 Giugno del 2015.

Quando è sparito nel nulla, l'uomo si trovava nella Capitale per partecipare ad un'udienza del Papa, insieme a tre accompagnatori e un volontario.

Arrivati alla stazione Termini, alle ore 9.00 il gruppo salì su un treno della linea A della metropolitana ma, essendo pieno, gli accompagnatori invitarono i ragazzi a scendere per prendere il successivo.

Secondo la versione fornita da volontario e accompagnatori, Daniele non riuscì a scendere, rimanendo sul treno. E, nonostante le ricerche nelle stazioni e nelle zone circostanti, non venne più trovato. L’ultimo fotogramma lo ritrae mentre scende dal treno.

Da allora, nonostante i diversi appelli, di lui si sono perse le tracce. Molte negli anni le segnalazioni, ma tutte inesatte.

La criminologa Corsaletti, interpellata dal padre dello scomparso, è stata chiara:

"Nonostante nessuno possa scomparire nel nulla, senza lasciare traccia, il caso di Daniele è particolare. Voglio comunque capirci di più. Perciò, pur avendo premesso che non voglio dare false speranze, nei prossimi giorni ci faremo una chiacchierata. Nel frattempo ho consigliato al signor Potenzoni di non far calare l’attenzione sul caso di suo figlio, continuando a fare appelli e ricordare la sua storia."

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Inline
Inline