Archivi categoria : Caserta: crimini dal passato

San Marcellino, uccide la sorella sedicenne perché contrario al suo fidanzamento

Di Ferdinando Terlizzi   Un colpo di pistola alla mammella. La ragazza amoreggiava con il coetaneo Francesco OIiva, che però era già fidanzato con altra giovane. La giovane continuava a vedersi con Francesco e coglieva ogni pretesto per uscire all'aperto, mettersi in mostra e fargli segnali, incurante della dura opposizione dei familiari. Per questo bisognava ucciderla!…
Per saperne di più

Dragoni, Pasquale Monaco tenta di uccidere l’amante Maria Morgillo

Di Ferdinando Terlizzi   Ci sono tutti gli ingredienti del giornalismo che coinvolge i lettori  "S.S.S.": soldi, sangue e sesso. La passione travolgente e l’abbandono della moglie malata. La fine dell’idillio con due colpi di pistola.   Alle ore 22.00 del 10 Settembre 1954 venne ricoverata presso l'ospedale di Piedimonte d’Alife, dove era stata accompagnata dal…
Per saperne di più

San Cipriano d’Aversa, Raffaele Buonanno uccide Giovanni Di Girolamo per un diverbio sul gioco del biliardo

Di Ferdinando Terlizzi   Nel  tentativo di simulare una legittima difesa, l’assassino si impossessò della pistola della vittima. Un tempo nella zona era come il Far West: tutti armati,abusivamente. Impossibilitato a reagire subito, per l’intervento di terzi, aveva pensato di vendicarsi dell’offesa ricevuta con la uccisione dell’amico che aveva attirato nella località del delitto. San…
Per saperne di più

Casal di Principe, Antonio Natale uccide Nicola Musto con tre pugnalate

Di Ferdinando Terlizzi   L’assassino era un violento con gravi precedenti. Fu arrestato con l’arma ancora insanguinata dai carabinieri che stavano in strada, indagando su di un altro delitto avvenuto la sera precedente. Mentre ammanettato veniva accompagnato in caserma, ingoiò una cambiale che era a favore della vittima   Verso le 10.50 del 26 Ottobre del…
Per saperne di più

San Cipriano d’Aversa, la Festa dei lavoratori insanguinata da un efferato omicidio

Di Ferdinando Terlizzi Quando lo schiaffo è caparra di morte! Nel dicembre del 1953 i due  fratelli piccoli dei due assassini erano stati schiaffeggiati da Salvatore Morza, l'uomo contro il quale erano diretti i colpi che uccisero per "aberratio ictus" Armando Diana che a lui si accompagnava. Una sera del dicembre del 1953, Salvatore Morza ebbe…
Per saperne di più

Bellona, Pasquale Cafaro ammazza il nipote Giovanni per una questione di condominio

Di Ferdinando Terlizzi   "Correte alla via  Sauro, al numero 178 ... c’è il cadavere di un uomo!" Questa la segnalazione che giunse verso le 23.45 del 19 Marzo 1956 ai carabinieri della Stazione di Vitulazio, i quali recatisi sul posto rinvennero il cadavere di Giovanni Cafaro sul ballatoio del primo piano dell’edificio. Fin dalle prime indagini…
Per saperne di più

Inline
Inline