La mattanza di Amityville tra mito e realtà

Di Lara Vanni


Spesso le storie che riguardano le case “infestate” vengono inventate dalle persone del paese, in modo tale da poter dare una qualche spiegazione del loro abbandono, o per aumentarne il fascino ed il mistero per questioni di profitto economico.

In alcuni posti, però, sono avvenuti davvero fatti così raccapriccianti e sanguinari che sarebbe impensabile per chiunque metterci piede.

Leggende, verità, superstizioni, tutto è possibile, ma gli omicidi efferati rimangono reali nella memoria del tempo.

Il 14 Novembre 1974, la piccola cittadina di Amityville, situata a Long Island nello Stato di New York, viene scossa da una notizia terribile: nella notte, al 112 Ocean Avenue, Ronald De Feo Junior, a soli 23 anni, con un fucile da caccia cal. 35, ha ucciso tutta la sua famiglia: padre, madre, due fratelli e due sorelle.

Secondo i rapporti della Polizia, sono ravvisabili, in questo delitto, tratti sadici, appartenenti solo ad una mente malata. Probabilmente la famiglia era stata narcotizzata, prima di andare a dormire. Ogni membro della famiglia è stato assassinato mentre era steso a faccia in giù, appoggiato sulle braccia incrociate e tutti sono stati colpiti alla schiena: solo la madre è stata colpita alla testa. De Feo, dopo essere stato catturato, afferma di aver sentito una voce demoniaca che gli aveva ordinato l'uccisione della sua famiglia.

Il processo comincia il 14 Ottobre 1975, William Weber, avvocato difensore di De Feo, cerca, attraverso diverse analisi psichiatriche, di puntare all'infermità mentale del suo cliente. Gli esperti affermano che, in effetti, Ronald soffre di diversi disturbi psichici, dovuti anche alla dipendenza da droghe quali LSD ed eroina, ma che, nonostante ciò, risulta essere in grado di valutare perfettamente le sue azioni. Il processo si conclude con la condanna di Ronald, accusato di omicidio colposo plurimo, a 25 anni di carcere per ogni omicidio commesso, da scontare in un carcere di massima sicurezza a New York.

Ma questo è solo il primo degli eventi inspiegabili avvenuti in quella casa.

Nel dicembre del 1975, la casa viene abitata dalla famiglia Lutz, George e Kathy con i loro tre figli: Daniel, Khris e Missy. La prima cosa che fanno i Lutz è quella di chiamare il prete Ralph Pecoraro per benedire la casa ma, mentre si trova all'interno dell'abitazione, il religioso sente una voce rauca provenire dal piano superiore che gli intima di andarsene.

La famiglia Lutz

Le cose peggiorano: i Lutz affermano di sentire odori sgradevoli, rumori strani, ma anche macchie misteriose che compaiono e scompaiono sulle pareti, mosche alle finestre e sussurri. Inoltre, George comincia ad assumere atteggiamenti strani: trascorre ore davanti al camino, dicendo di sentire sempre freddo. Smette di prendersi cura della famiglia, non curando più nemmeno la sua igiene e il suo aspetto. Ogni notte si sveglia alle 3:15, la stessa ora in cui era stata commessa la mattanza. La moglie stessa afferma che George, da quando si sono trasferiti in quella casa, è diventato sempre più aggressivo. Ma non finisce qui: la piccola Missy afferma che, in quell'abitazione, c'è una bambina di nome Jodie con la quale parla spesso. La mamma comincia ad avere incubi sempre più frequenti, visioni orribili degli omicidi avvenuti poco meno di un anno prima in quella casa.

I Lutz abbandonano la casa, dopo circa 28 giorni. Ricevono molte attenzioni dalla stampa, vengono invitati da radio e televisioni e, dopo i loro racconti, la casa attira l'interesse di molti ricercatori dell'occulto, spiritisti, medium e sensitivi.

Ed e Lorraine Warren, esperti demonologi, cercano di dare una spiegazione al fatto che quella casa fosse infestata da presenze così aggressive: la casa si trova sul luogo dove un tempo sorgeva un antico sanatorio indiano, dove i malati venivano abbandonati quando erano vicini alla morte; altra ipotesi riguarda il fatto che il terreno apparteneva a John Ketchum, uno stregone che era riuscito a sfuggire alla condanna durante il Processo alle Streghe di Salem e che, su quella terra, aveva continuato a praticare riti esoterici.

Non passa molto tempo che la stampa accusa i Lutz di essersi inventati la storia: si viene a sapere, infatti, che William Weber e George Lutz si conoscevano dai tempi del college. Secondo la ricostruzione mediatica, Weber avrebbe pagato i Lutz perché vivessero in quella casa, in modo da convincere tutti che quella casa fosse infestata da presenze paranormali: in questo modo avrebbe potuto dimostrare che il suo cliente, De Feo, al tempo degli omicidi, era posseduto da uno di questi demoni.

Ancora oggi, non ci è dato di sapere se i fatti accaduti alla famiglia Lutz siano veri o inventati, ma da allora molti occultisti hanno continuato a indagare, scattando anche fotografie al luogo: una di queste è stata scattata da Gene Campbell e, con immensa sorpresa, ritrae probabilmente John Matthew De Feo, il più piccolo ucciso durante quella tragica notte, o almeno il suo fantasma.

La foto scattata da Gene Campbell

Se questo articolo ha destato un poco della vostra curiosità, sappiate che la casa è in vendita ed è possibile averla per 1,15 milioni di dollari.

Qualcuno è interessato?

Amityville House

© Riproduzione riservata

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Inline
Inline